Home > Attualità > Nel ritorno al passato la speranza di un futuro

Nel ritorno al passato la speranza di un futuro

Alla devastazione del terremoto e dell’onda tsunami, vanno poi sommati tutti quei danni (mai considerati e relativi all’inquinamento marino), prodotti dai milioni di tonnellate di una serie infinita di materiali tossici e non degradabili che finiscono in mare, trascinati ed inghiottiti dalle onde di risacca. La plastica non si bio-degrada ma si foto-degrada – si scompone in sempre piú piccole particelle tossiche che automaticamente entrano nella catena alimentare, come parte del cibo ingerito dagli organismi marini. Ai danni incalcolabili, provocati dalla distruzione e, agli oneri, altrettanto esorbitanti della ricostruzione, vanno aggiunti i costi di bonifica, del territorio devastato e, i relativi al disastro ambientale. Per non parlare poi dei danni morali, psicologici ed esistenziali che, come un macigno, graveranno, per generazioni, nella memoria e sull’inconscio della gente. La possibilità, non remota, che una tale tragedia si possa ripetere, li costringerà a vivere in uno stato di allerta perenne e di paura, difficilmente riassorbibili e che condizioneranno ogni tipo di scelta, che sia pratica o emotiva. Si, è vero, in tanti hanno perso tutto ma, sorge il dubbio che, molti avessero troppo di tutto e nulla di . Ha perso poco chi non aveva niente e, per un tale motivo, ha poco da rimpiangere. Quella devastazione ricoperta di neve e resa ancor più tetra dal silenzio raggelante della fine, mi riportano alle immagini del nazismo dove, l’angoscia prodotta da uno scenario infernale, è resa ancora più apocalittica dall’assenza di fuoco. Atmosfere surreali, permeate di un dolore così profondo, a tal punto incomprensibile e indicibile, da paralizzare ogni moto di coscienza, emozione e capacità di giudizio critico. Com’è possibile che un popolo, messo in ginocchio dalla bomba atomica e che, fino a ieri, è vissuto nell’incubo delle radiazioni, abbia concentrato il suo approvvigionamento energetico sulle centrali nucleari? Esorcizzare la paura, dando ospitalità al Diavolo in persona, è indicativo di follia pura, applicata alla realtà, e ci consegna uno spaccato inquietante di una “modernità canaglia” che ha anteposto il primato tecnologico e la stupidità, al buon senso e alla ragionevolezza. Come possiamo minimamente pensare, di potere imprigionare la potenza del male, dentro quattro muri di cemento, per poi ricavarne energia pulita? Cosa c’è di pulito quando poi, tutto intorno, una montagna di sterco radioattivo rilasciato dall’immondo culo di Satana, contamina e brucia ogni speranza di vita e di felicità?
Abbiamo concepito un mondo di orrore, intriso di dolore e di morte, costruito sulle sabbie mobile della nostra presunzione, dell’arroganza e di un’effimera vanità – chiamato conoscenza la profanazione e la violazione, libertà la licenza e, progresso e sviluppo, la catastrofe ambientale. La vendetta della Madre Terra, presto, si renderà palese in tutta la sua potenza, violenza e crudeltà, senza sconti, per sancire, ancora una volta, la sua volontà trascendente e la logica suprema delle sue imperiture ragioni. Tutte le centrali nucleari al mondo, per un motivo o per un altro e, causa le interazioni impreviste o predestinate di fattori che esulano dalla nostra capacità di analisi, logica e di comprensione, sono destinate ad esplodere. Soltanto un secolo fa, lo stesso terremoto, sarebbe stato vissuto dal popolo del Giappone, come una grande paura e, segno di una potenza e di un volere soprannaturale, volto ad ammonire gli uomini da imprudenti voli pindarici, rammentandoci provvisorietà e limiti. Certo, si sarebbero contate vittime, umane e animali, disagi, la distruzione di villaggi, case di legno e coltivazioni, ma tutto nella norma e tutto ricomponibile come all’origine. Con quale animo e coraggio, oggi, i giapponesi, si avviano alla ricostruzione? Una tale “lezione”, dovrebbe indurli a ripensare ad un diverso progetto di sviluppo, autenticamente sostenibile, fondamentalmente etico e rigorosamente rispettoso dell’ambiente e, a rivedere i presupposti, i perché e le convinzioni che li hanno indotti a tali insensate scelte.
Le grandi concentrazioni urbane – sulla linea di Hong Kong – sono destinate alla paralisi e al rischio di implosione. Se non riconvertiamo il Sistema liberista necrofilo, in un modello di sviluppo più attinente all’originaria natura umana e, ai suoi bisogni primari ed essenziali, non vedremo nessuna luce oltre quel muro, di vergogne e di menzogne tecnologiche che, da troppo tempo, oscura il futuro dei nostri figli. Non è la tragedia giapponese che ci deve fare riflettere sulla validità o meno, dei nostri comportamenti, ma la quotidianità caotica, maleodorante e irrespirabile che ci sommerge, annullando in noi, ogni motivo di vera felicità e di libertà. Il Giappone, deve trarre, da questa immane calamità, le ragioni per una nuova e ritrovata consapevolezza, abbandonando la corsa ad ogni effimero primato tecnologico. E’ finito il tempo di grattacieli luccicanti e sfavillanti, di metropolitane super veloci e di milioni di luminarie che, eternamente, oscurano il cielo. Quando la terra era piatta, il buio governava le notti, e meravigliose creature di altri mondi scendevano sulla terra per abitare i sogni degli uomini. Oggi, accecati dalla luce rovente della modernità, ci hanno lasciati soli per sempre, svuotandoci da ogni passione. Ed é nel sentimento della passione, che attingiamo le risposte ai nostri interrogativi e, senza la quale, non può esistere alcuna forma di vita, essendo, la nostra esistenza, una sua estensione. Il frenetico adoperarsi di api e formiche, nel loro instancabile e incessante andirivieni strutturato da regole ferree e codici etici, è l’espressione di una volontà e di un’intelligenza superiore che attingono la loro energia nel sentimento della passione. Oggi, non siamo che termiti!
Gli stessi “schiavi” d’Egitto, innalzarono le piramidi sotto la spinta propulsiva di una smisurata passione. E non era il denaro, il potere e la vanità, lo spartiacque fra la gioia e il dolore, fra la vita e la morte e fra la bellezza e l’orrore, ma quella capacità di amare e di sperare che, da sempre, avevano contraddistinto gli individui delle civiltà del passato – un mondo perfetto, messo a tacere per sempre, dalla stupidità dell’uomo moderno.
La passione deterge, purifica, rigenera, forgia la volontà ed è messaggera di bellezza – trascende ogni debolezza e paura, per dare forma e contenuto alle aspirazioni umane, suggerendo all’uomo, il significato della vita.
“Quale passione, oggi, arde nel cuore di quest’uomo? Quale spirito divino alberga nella sua anima? Da quale pozzo, misura il livello della sua felicità e, l’acqua di quale torrente, ristora e placa l’arsura della sua sete di conoscenza?”
L’immagine raccapricciante di quest’epoca insensata, pregna di relativismo, è la rappresentazione iconografica di un’umanità svuotata da ogni più remoto barlume di passione e di bellezza. Un mondo affollato di anime dannate che, al pari di cavallette fameliche, si agitano impazzite dentro il caos di pensieri schizofrenici, vagando avanti e indietro, senza una meta e una qualsiasi comprensibile ragione, lasciando dietro di loro, morte, dolore e distruzione. Tutto questo, ha innescato un processo di necrosi che, dal tessuto sociale, si è esteso all’ambiente tutto, compromettendo irrimediabilmente, ogni auspicabile e radicale riconversione e più remota speranza.
Per tanto, non esiste una via di uscita da una tale condizione! E’ partito il conto alla rovescia e, il Sistema, come una bomba ad orologeria, è sul punto di esplodere. Gli individui, della società delle illusioni, ricurvi sulle loro debolezze, paure e, incapaci di qualsiasi rinuncia, si sono resi responsabili e complici di quell’immane tragedia che segnerà un punto di svolta radicale e di non ritorno, nella storia dell’umanità.
Sentire ancora oggi, parlare di ricerca, di crescita, di sviluppo e, delle semplificazioni relative al fare impresa, come le inderogabili soluzioni alla crisi, è come rendere libera la pesca, epurando il suo regolamento da, licenze, normative e divieti, ben sapendo che di pesci nel mare, non ce ne sono più. E non solo di pesci!!
Gianni Tirelli

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: