Archivio

Archive for giugno 2011

Buonanotte Brunetta

16 giugno 2011 2 commenti

Il ministro dell’Innovazione non si accorge del vento che è cambiato, si mette in mostra con la solita spavalderia e stavolta prende un ceffone mediatico al pari di quelli ricevuti da Silvio Berlusconi.

Capita anche ai migliori di prendere una “toppa”. E Brunetta è certamente uno dei migliori, per lo meno dal suo punto di vista. Volete mettere, cari precari, falliti della vita, il merito di chi si è fatto tutto da solo? Brunetta è il pistolero mai stanco che va in giro a caccia di ingiustizie ed è convinto di trovarle sempre dove si protesta, dove si reclamano diritti, che il ministro scambia costantemente per favori. “I giovani non trovano lavoro?” “Andassero a scaricare le cassette di frutta al mercato alle cinque del mattino” diceva l’altra sera a Otto e Mezzo. Perché lui, che è si è formato “nell’humus del proletariato veneziano”, le cassette di frutta da giovane non le scaricava ma in giro con il padre a vendere gondolette di plastica ci andava e se lo ricorda com’era essere figlio di ambulante “al liceo dei siori”.

Brunetta, in realtà. è il classico tipo che ha ribrezzo di quello che è stato e lo scaccia via con la mano quasi quel ricordo potesse impadronirsi ancora di lui. Per questo, qualche mese fa, diceva: «Chi cavolo è uno che fa il supplente da 10 o 15 anni e non ha vinto nemmeno un concorso? Non potrebbe cambiare mestiere?». Disprezzo e rancore. Come quello che gli si è letto in volto non appena ha sentito la parola “precaria” detta da Maurizia Russo Spena che ha cercato di parlargli in quell’incontro ormai divenuto cult.

Il bello è che il pulpito da cui parla il ministro è piuttosto sgangherato. I suoi meriti scientifici vengono allegramente sbeffeggiati senza che lui possa replicare. La sua saldezza morale è incrinata da quella bella pensione da tremila euro al mese che ha iniziato a percepire all’età di 59 anni mentre un giorno sì e l’altro pure proclama la necessità di elevare i limiti per tutti gli altri, immaginiamo, pezzenti. Quando si è candidato a sindaco di Venezia, rimediando una sonora sberla, aveva addirittura annunciato che non si sarebbe dimesso da ministro. Un campione di rettitudine. Che però stavolta non si è reso conto che il vento è cambiato, che i precari si ribellano, consapevoli dei propri diritti e non si fanno certo intimidire dagli insulti di un uomo come lui. Stavolta non ha capito che buttarsi a testa bassa in una guerra che fino a qualche tempo fa sembrava regalargli consensi diffusi lo ha fatto sbalzare di sella. Perché non è solo Berlusconi ad aver incrinato la propria immagine e il proprio consenso, dopo le amministrative e i referendum. Stavolta è tutta la linea portata avanti da questo governo a soffrire. La linea del “cialtronismo” a ogni costo, dell’attacco ai più deboli indicati come la causa di tutti i mali – l’Italia non funziona? E’ colpa dei precari, appunto, “l’Italia peggiore” – dell’efficientismo parolaio che si rivela inconcludente e dannoso.

Salta per aria l’evidente contraddizione di un governo che promette il Bengodi e che poi se lo fa consegnare in forma privata dai Bisignani di turno. E’ ovvio che Brunetta scappi via e non risponda, cosa dovrebbe dire? Raccontare delle consulenze e delle postazioni Rai occupate, come bandierine sul Risiko, dai potenti che formano la corte di Berlusconi? E’ sintomatica la coincidenza tra l’affaire dei video (vedi in allegato) e l’arresto di Bisignani, i volti del potere si sovrappongono e diventano un volto solo. Disgustoso ma soprattutto visibile. E’ tutto visibile, stanno diventando una casa di vetro non perché siano specchiati ma perché mille occhi hanno deciso di guardare, di filmare e di trasmettere. Non è un caso se tra gli strali del ministro ci sia “la telecamerina” che i precari si sono portati dietro. Sì, la telecamerina ha filmato una bella figura di m… da cui non ci si può più nascondere.

Il referendum del 12 e 13 giugno questa realtà l’ha voluta fotogragare con una partecipazione massiccia al voto. E lo scarto tra questa foto e quella del premier intento a godersela con le “olgettine” di turno nella sua villa sarda mentre il popolo italiano si mette in fila per assegnargli uno sganassone, è anch’essa un segno dei tempi.
Brunetta purtroppo (per lui) non si è accorto di questo clima, non ha visto quella fila e ha fatto di tutto per mettersi in mostra e beccarsi uno sganassone in diretta tv. Certo, figurato, non direttamente da precari educatamente mobilitati. Il ceffone se l’è fatto dare da mezza Italia e siamo sicuri che se lo ricorderà a lungo.
Di Salvatore Cannavò, da ilmegafonoquotidiano.it

Annunci