Home > Attualità > I veri cristiani

I veri cristiani

«Il prete tocca i neri, non dia l’eucarestia a mio figlio: potrebbe prendere malattie»
Il parroco stringe la mano ai profughi arrivati a Santo Stefano durante la messa: una madre corre a protestare dal sindaco

BELLUNO – È sabato 14 maggio ed alcuni dei 90 profughi libici appena arrivati a Santo Stefano, cristiani, si raccolgono in preghiera nella palestra in cui sono stati accolti. Alcuni volontari se ne accorgono e offrono loro di partecipare alla messa della domenica.

Così, il giorno dopo, i quindici profughi trovano accoglienza tra i banchi della chiesa di don Diego accompagnati dal sindaco Alessandra Buzzo e dagli stessi volontari. Don Diego li accoglie, li presenta alla comunità e al momento della pace scende tra loro per stringergli la mano. Un gesto semplice, umile e fraterno. Ma a quanto pare “a rischio”.

«Il giorno dopo una mamma del paese è venuta a lamentarsi direttamente da me – racconta Alessandra Buzzo, primo cittadino di Santo Stefano – dicendo che il parroco non avrebbe mai più dovuto permettersi di dare la comunione a suo figlio dopo aver stretto la mano a loro, neri». «Faceva parte del gruppo di mamme che da giorni, dopo l’arrivo dei profughi, ogni mattina si presentava davanti al municipio per chiedere quando se ne sarebbero andati – racconta Buzzo -. La palestra in cui li abbiamo ospitati è vicina a una scuola, così hanno consigliato ai loro bambini di starci lontano, di passare altrove, per evitare di prendere malattie».

«Casco dalle nuvole – assicura Don Diego Saviane – a quella messa ovviamente ero presente, l’ho celebrata io, e questo episodio me lo racconta lei per la prima volta; io ho accolto quei ragazzi con il cuore in mano, insieme alla comunità sottolineando la bellezza e la ricchezza di poterli avere tra noi».

Severo a riguardo è stato il commento di don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana e ospite dell’assemblea annuale di «Insieme si può…» a Santa Giustina, durante la quale è stato raccontato l’episodio. «Questo è il cristianesimo d’appartenenza. Come si fa a essere cristiani nella quotidianità e non conoscere le parole uguaglianza e accoglienza? Ignorarle è tradire il vangelo. Quel che è grave è la comunità ecclesiale che balbetta, non dice. Il silenzio della Chiesa è assordante, i cristiani sono diventati afoni. Viviamo un paese in cui si stanno sbriciolando le coscienze, di degrado etico e morale, di relativismo allarmante. E in tutto questo la Chiesa non ha la forza e il coraggio di dire qualcosa di crisitiano; se si parla di accoglienza si è codini di sinistra. Eppure nulla contraddistingue il cristiano come il rispetto per lo straniero. Ora invece il massimo dell’accoglienza è la tolleranza, che è un passo verso l’esclusione, la xenofobia. E sì che basterebbe ricordarci di quando gli albanesi eravamo noi».
http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=164670&sez=NORDEST

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: